< 

home

 > 

NOTIZIA IMPORTANTE: Greenpeace rivela 16 documenti segreti (aggiornati all' Aprile 2016)

no to TTIP

open che cosa é il TTIP?

UE e USA stanno trattando per arrivare ad un accordo commerciale chiamato TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership = trattato transatlantico per il commercio e gli investimenti).

Scopo del TTIP é "aumentare gli scambi e gli investimenti tra l'UE e gli Stati Uniti realizzando il potenziale inutilizzato di un mercato veramente transatlantico, generando nuove opportunitá economiche di creazione di posti di lavoro e di crescita mediante un maggiore accesso al mercato e una migliore compatibilitá normativa e ponendo le basi per norme globali".

open che c'é di sbagliato nel TTIP?

A prima vista il TTIP sembra una bella cosa: chi non vorrebbe che si generassero nuove opportunitá economiche e si creassero nuovi posti di lavoro?

Ma in realtá il TTIP é un frutto avvelenato perchè tra gli ostacoli ai commerci a egli investimenti che il trattato intende eliminare, ci sono anche le barriere NON tariffarie.
Esistono due tipi di barriere al commercio:

  • barriere tariffarie cioé i dazi d'importazione
  • barriere NON tariffarie cioé le leggi e le regolamentazioni.

Nel corso degli anni le barriere tariffarie sono state quasi del tutto eliminate nel commercio tra USA e UE. Ora per aumentare il volume dei commerci tra le due sponde dell'Atlantico si vogliono abbattere le barriere NON tariffarie.

open cosa sono le barriere NON tariffarie?

Sono barriere NON tariffarie quelle differenze legislative e regolamentari che rendono i prodotti USA non esportabili, o non automaticamente esportrabili in UE, e viceversa. Eccone alcune:

  • i limiti massimi dei composti chimici pericolosi, o potenzialmente pericolosi, presenti nei prodotti industriali, in particolare nei cibi, nelle bevande e nelle medicine;
  • l'uso del principio di precauzione ogni qualvolta che la scienza non riesca a dimostrare innocue nuove sostanze chimiche o nuovi processi in ambito industriale, ambientale o alimentare;
  • qualsiasi limitazione nelle gare d'appalto. Ad esempio l'asilo dei vostri figli quando prevede cibi a Km zero danneggia le grandi multinazionali perchè non possono partecipare;
  • la necessitá dei produttori USA di omologare una loro nuova automobile in ciascuno degli Stati UE, anzichè ottenere una unica omologazione valida in tutta Europa;
  • la necessitá dei produttori USA di farsi autorizzare una loro nuova medicina in ciascuno degli Stati UE, anzichè ottenere una unica autorizzazione valida in tutta Europa;
  • le paghe minime, i diritti sindacali, la legislazione che riconosca ai lavoratori di una nazione diritti che quelli dell'altra non hanno;
  • l'esistenza di un Servizio Sanitario Nazionale perché offre servizi gratuiti che vengono così sottratti al mercato della sanitá privata;
  • la legge che impedisce la libera vendita delle armi da fuoco;

open il TTIP supera tutti i regolamenti e tutte le leggi locali e nazionali

L'art. 4 delle (non più segrete) Direttive di negoziato date ai negoziatori EU, stabilisce che "Gli obblighi assunti nell'ambito dell'accordo saranno vincolanti per tutti i livelli di governo". Quindi appena sará approvato dai Parlamenti USA ed EU, il TTIP varrá per qualsiasi amministrazione, da quelle locali fino alle regionali e nazionali. Neppure il più remoto e piccolo asilo potrá fornire cibo a Km zero ai suoi bambini!

open chi ci guadagna e chi ci perde?

É inevitabile che l'approvazione del trattato TTIP con la riduzione delle "barriere non tariffarie" poterá ad un abbassamento delle tutele di salute e sicurezza di cui godiamo noi cittadini EU e sará a grandissimo, se non esclusivo, vantaggio delle aziende USA perchè, riguardo ai precedenti esempi, in USA giá ora:

  • i diritti sindacali sono minimi e la paga minima molto bassa;
  • di fatto non c'é sanitá pubblica;
  • non si usa il "principio di precauzione" ma quello scientifico secondo il quale é consentito produrre ed utilizzare qualsiasi composto chimico fintanto che non c'é prova scientifica che sia pericoloso o dannoso. Come conseguenza, ad esempio, a differenza di quanto avviene in EU, in USA é possibile allevare gli animali ad antibiotici e trattarne col cloro le carni macellate;
  • qualunque maggiorenne può possedere tutte le armi che vuole;

open la produzione agroalimentare

Ad oggi molti prodotti agroalimentari USA non possono essere commercializzati in EU perché la nostra legislazione sanitaria ed ambientale é piú severa. Infatti negli USA sono permesse tecniche e sostanze capaci di abbassare il prezzo finale dei prodotti agroalimentari come, ad esempio, riempire gli animali di antibiotici o trattarne col cloro le carni macellate. Ma, ad oggi, le carni così prodotte, seppur meno care delle nostre, non possono essere vendute in EU (per la fortuna di noi consumatori!).

Eliminare le barriere non tariffarie significa abbassare i requisiti di legge EU a quelli USA.

down arrow

I mercati UE saranno invasi da prodotti USA meno salubri ma anche meno cari

down arrow

I produttori UE, per poter concorrere con i prezzi USA, saranno costretti ad abbassare la qualitá delle loro produzioni. Ma ciò non sará sufficiente a proteggerli perchè le aziende agricole UE, che hanno dimensioni molto piú piccole di quelle USA, non riusciranno a competere

down arrow
down arrow

Le aziende agricole UE soccomberanno.

Non avranno più mercato e quindi scompariranno tutti quei prodotti tipici che da centinaia di anni sono il fiore all'occhiello dell'agricoltura e dell' allevamento della UE e dell'Italia in particolare.

Si dice che col TTIP i prodotti UE potranno avere più facile accesso al mercato USA. Nel caso dell'agricoltura e dell' allevamento non sará cosí poichè i prodotti agroalimentari UE avranno in USA prezzi inizialmente identici a quelli di ora e quando scenderanno sará solo perchè i prodotti UE avranno perso le loro caratteristiche di qualità che hanno avuto fino ad ora. A quel punto perchè un cittadino statunitense dovrebbe preferire i prodotti agroalimentari UE a quelli made in USA?

open Perchè annullare le barriere non tariffarie?

Se due nazioni vogliono produrre e commerciare "alla pari" é bene che abbiano "barriere tariffarie e non tariffarie" equivalenti, ma non é inevitabile abbassare le maggiori al livello delle minori, é infatti possibile innalzare le minori al livello delle maggiori, aumentando così i diritti sociali, economici ed ambientali di chi inizialmente ne ha meno.

Nel caso del TTIP anzichè abbassare i requisiti ambientali e sociali UE si potrebbero alzare quelli USA, aiutandone i cittadini e rendendo il mondo migliore. Ma ciò avrebbe un costo economico e quindi diminuirebbe i profitti delle grandi multinazionali che, guarda caso, sono gli sponsor del TTIP.

open le multinazionali comandano sui governi dei popoli!

Il trattato prevede anche l'istituzione di un tribunale arbitrale privato, ISDS, costituito da tre avvocati scelti dalle multinazionali, al quale imprese ed investitori possono rivolgersi contro i Governi che, a causa della propria legislazione sociale o ambientale, ne possano limitare i profitti. Questo anche in assenza di rapporti contrattuali con i Governi di cui contestano le scelte politiche. Le decisioni di questo "tribunale" sono inappellabili e le motivazioni segrete.

E' la fine della Democrazia perchè al "capitale" viene formalmente riconosciuto un potere predominante sulle persone e sui governi che democraticamente le rappresentano.

open le trattative sono segrete

  • Gli incontri ufficiali tra le delegazioni USA ed EU sono segreti.
  • Le decisioni man mano prese negli incontri sono mantenute segrete.
  • I popoli USA e UE conosceranno i dettagli del trattato solo quando esso sarà presentato ai Parlamenti per l'approvazione.
  • I Parlamenti non potranno emendare l'accordo ma solo approvare in toto o bocciare l'intero trattato.
  • Una volta approvato dal Congresso USA e dal Parlamento Europeo, il TTIP sará valido senza bisogno di ratifica del Parlamenti Nazionali Europei e le sue norme dovranno essere applicate a tutti i livelli amministrativi (l'accordo TTIP é gestito dalla DG della Commissione Europea che tratta delle dogane e ció non é casuale perché questa DG ha competenza esclusiva sulle proprie materie e pertanto le sue decisioni non hanno bisogno di essere ratificate dai parlamenti nazionali).

Meno tempo avranno le pubbliche opinioni e i Parlamentari per capire davvero le implicazioni più profonde del trattato e più é facile che non lo ostacoleranno al momento del voto. Questo spiega perchè per un paio d'anni la gestione del protocollo é stata avvolta nel segreto più assoluto (vedi).

Di tutti i 60 Milioni di cittadini Italiani solo due sono "lead negoziators" nel TTIP: sono due dirigenti della Commissione Europea che non hanno nessun mandato politico da parte italiana: Leopoldo Rubinacci per l'area negoziale "Investimenti" e Lorenzo Terzi per l'area negozoale "Misure sanitarie e fitosanitari". Chi li ha scelti e perchè? Quale strategia perseguono? A chi rendono conto delle proprie scelte nogoziali? Non certo al Parlamento Italiano ne a quello Europeo!

i documenti ufficiali